TES 2018 1


Avanguardie educative

Avanguardie Educative si propone come “movimento di innovazione che porta a sistema le esperienze più significative di trasformazione del modello organizzativo e didattico della scuola”.
In pratica, le scuole del territorio italiano che stanno innovando, propongono a tutte le altre la propria idea di cambiamento.


Si parte da una suggestione proposta da insegnanti e dirigenti, magari nell’ambito di un collegio docenti; si illustrano i vantaggi del cambiamento, ma anche le criticità; quali siano le risorse tecnologiche, infrastrutturali, umane e finanziare necessarie; infine si forniscono i riferimenti di chi ha già realizzato effettivamente l’idea di partenza.

Il movimento intende utilizzare le opportunità offerte dalle ICT e dai linguaggi digitali per cambiare gli ambienti di apprendimento e offrire e alimentare una «galleria delle Idee» che nasce dall’esperienza delle scuole, ognuna delle quali rappresenta la tessera di un mosaico che mira a rivoluzionare l’organizzazione della didattica, del tempo e dello spazio del «fare scuola».

Gli orizzonti che stanno alla base del manifesto sono:


- Sfruttare le opportunità offerte delle tecnologie e dai linguaggi digitali per insegnare, apprendere e valutare;

- Creare nuovi spazi per l’apprendimento;- Riorganizzare il tempo del fare scuola;

- Riconnettere i saperi della scuola ed i saperi della società della conoscenza;

- Investire sul “capitale umano” ripensando i rapporti tra insegnamento frontale ed apprendimento, scuola ed azienda, etc.;

- Promuovere l’innovazione sostenibile e trasferibile.


Trasformare il modello trasmissivo della scuola attraverso le competenze digitali per la nuova didattica.
Non c'è dubbio che il sistema scolastico stia attraversando una fase di grande trasformazione: la sfida è quella di trovare un modello che sia plasmato sulla realtà e sulle esigenze della "società digitale" del nuovo secolo.
Una sfida appassionante a suon di sperimentazioni, ma che non ha ancora individuato un modello di riferimento a livello globale.

Le certezze non sono molte, ma se ce n'è una che si è ormai consolidata è che la tecnologia giocherà un ruolo decisivo, in primo luogo come strumento abilitante per una nuova didattica, come opportunità per superare la vecchia lezione frontale con un modello collaborativo di costruzione del sapere e l'apertura della scuola alla rete.

D'altra parte «la didattica per competenze, così com'è richiesto dall'Europa, è difficile da perseguire senza la tecnologia che intervenga per agevolare la condivisione e la collaborazione tra docenti e studenti, la capacità di aggregazione dei saperi e la strutturazione di percorsi formativi individualizzati».La scuola è chiamata quindi a cambiare paradigma.

Progetto Istituto Tecnico Economico       Progetto Istituto Professionale         

Relazione finale Avanguardie Educative a.s. 2016/2017

 
Progetto Avanguardie educative 2016-2017  
Simulazione d'azienda